QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Prontuario delle regole anti-COVID 19 per le famiglie e gli alunni

  1. Le famiglie effettuano il controllo della temperatura corporea degli alunni a casa ogni giorno prima di recarsi a scuola così come previsto dal Rapporto Covid 19 dell’ISS n.58/2020.
  2. I genitori non devono assolutamente mandare a scuola i figli che abbiano febbre oltre i 37,5° o altri sintomi (ad es. tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali, mal di gola, difficoltà respiratorie, dolori muscolari, congestione nasale, brividi, perdita o diminuzione dell’olfatto o del gusto, diarrea etc.), oppure che negli ultimi 14 giorni siano entrati in contatto con malati di COVID o con persone in isolamento precauzionale. E’ necessario avvisare sempre la scuola quando gli alunni sono assenti per motivi di salute.
  3. Tutti gli alunni della scuola primaria e secondaria devono indossare una mascherina chirurgica o di comunità con almeno due strati, da usare nei momenti di ingresso, uscita, spostamenti all’interno della scuola, accesso ai servizi igienici e, quando non può essere garantita la distanza interpersonale di 1 metro ( ad es. in mancanza dei banchi monoposto) e in altre occasioni segnalate dal personale scolastico.

Compatibilmente con le consegne effettuate dalla protezione civile agli alunni saranno consegnate le mascherine chirurgiche. I genitori che preferiscono far usare mascherine di stoffa (devono avere almeno 2 strati) o di altro tipo (FFP2) lo comunicheranno al docente coordinatore o agli insegnanti della scuola primaria tramite il diario. In questo caso l’alunno/a non riceverà la mascherina distribuita dalla scuola. E’ bene che gli alunni abbiano nello zaino una bustina con nome e cognome dove riporre la mascherina in caso di necessità (es. durante l’attività motoria).

  1. L’accesso alla segreteria è garantito, secondo l’orario previsto, sempre previo appuntamento, per casi di necessità non risolvibili telematicamente o telefonicamente. Ai visitatori saranno richiesti alcuni dati per l’apposito registro degli accessi.
  2. Non è ammesso l’ingresso a scuola dei genitori, a meno che non siano stati contattati dalla scuola o per gravi motivi. In caso di dimenticanza di materiale scolastico o altri effetti personali i genitori sono pregati di non recarsi a scuola: i bambini e i ragazzi possono farne a meno. Non saranno consentiti ingressi posticipati ed uscite anticipate se non per documentate esigenze.
  3. Per evitare promiscuità tra alunni di classi o sezioni diversi, il servizio di pre-scuola per la scuola primaria non è attivato. I bambini non potranno sostare nella scuola per aspettare i genitori pertanto si raccomanda la massima puntualità in ingresso ed in uscita.
  4. Il materiale didattico di ogni classe non può essere condiviso con altre classi. Non è consentito utilizzare giochi portati da casa, in nessun ordine di scuola.
  5. Gli alunni devono evitare di condividere il proprio materiale scolastico con i compagni ed evitare di lasciare a scuola oggetti personali, specie se in tessuto, per facilitare le operazioni di pulizia e disinfezione degli ambienti.
  6. Al cambio dell’ora è effettuato un ricambio dell’aria nell’aula, aprendo le finestre. Il ricambio d’aria sarà effettuato comunque il più frequentemente possibile, in tutte le scuole, e ogni qual volta sia ritenuto necessario, in base agli eventi. Durante il cambio dell’ora gli alunni devono rimanere seduti al loro posto come previsto dal regolamento alunni.
  7. Al fine di evitare assembramenti, l’accesso ai bagni è comunque consentito anche durante l’orario di lezione, con la necessaria ragionevolezza nelle richieste.
  8. Gli alunni devono lavarsi bene le mani ogni volta che vanno al bagno, col sapone e asciugandole con gli asciugatori elettrici, se presenti, o con la carta in dotazione al bagno. In ogni bagno è affisso un cartello con le istruzioni per il corretto lavaggio delle mani. In ogni aula e negli spazi comuni è disponibile un dispenser con gel disinfettante.
  9. E’ bene che gli alunni portino con se una mascherina di ricambio, gel igienizzabile personale e fazzoletti di carta.
  10. Nella scuola secondaria è previsto un intervallo di 10 minuti. Gli alunni rimarranno nelle proprie aule seduti al proprio posto e potranno consumare la merenda. Non è ammesso alcuno scambio di cibo o bevande. Anche durante gli intervalli si provvederà al ricambio d’aria.
  11. Le bottigliette d’acqua e le borracce degli alunni devono essere identificabili con nome e cognome, e in nessun caso scambiate tra alunni.
  12. I banchi devono rigorosamente essere mantenuti nella posizione in cui vengono trovati nelle aule. Sul pavimento sono presenti appositi segnaposto.
  13. I genitori devono provvedere ad una costante azione educativa sui minori affinché evitino assembramenti, rispettino le distanze di sicurezza, lavino le mani e/o facciano uso del gel, starnutiscano o tossiscano in fazzoletti di carta usa e getta (dotazione a cura della famiglia) o nel gomito, evitino di toccare con le mani bocca, naso e occhi.
  14. Gli ingressi e uscite devono avvenire in file ordinate e con le mascherine indossate. In ogni plesso scolastico saranno predisposti percorsi di entrata/uscita, ove possibile utilizzando tutti gli ingressi disponibili, incluse le porte di sicurezza e le scale di emergenza.
  15. I genitori devono impegnarsi a rispettare rigorosamente gli orari indicati per l’entrata e l’uscita, che possono variare da classe a classe e saranno comunicati a cura delle singole scuole/plessi.
  16. Dopo aver accompagnato o ripreso i figli, i genitori devono evitare di trattenersi nei pressi degli edifici scolastici (marciapiedi, parcheggi, piazzali, etc.).
  17. Nei plessi sono presenti termometri ad infrarossi. In qualsiasi momento, il personale potrà farne uso per verificare situazioni dubbie. Potranno essere effettuate misurazioni a campione all’ingresso.
  18. Qualora un alunno si senta male a scuola rivelando febbre o sintomi compatibili con Covid-19, sarà immediatamente isolato, secondo le indicazioni del Rapporto Covid-19 dell’ISS n.58/2020. La famiglia sarà immediatamente avvisata ed è tenuta al prelievo del minore nel più breve tempo possibile. È indispensabile garantire la reperibilità di un familiare o di un delegato, durante tutto l’orario scolastico.
  19. In caso di assenza per malattia, si consiglia la famiglia di giustificare l’assenza con un certificato medico. 
  20. Per la scuola dell’infanzia, dopo un’assenza per malattia superiore a 3 giorni, la riammissione è consentita solo con certificazione del pediatra/medico medicina generale attestante l’assenza di malattie infettive o diffusive e l’idoneità al reinserimento nella comunità scolastica;
  21. Secondo le indicazioni del Rapporto Covid 19 dell’ISS n.58/2020 (pag. 10 – paragrafo 2.1.1), per la riammissione a scuola nel caso sia stato rimandato a casa con sintomi sospetti, è necessaria una attestazione del pediatra o del medico di base “che il bambino/studente può rientrare scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19”. (Punto 23 del  Si attendono chiarimenti da parte dell’ASL su questo punto.
  22. Non è consentito usare asciugamani personali nei bagni, ma soltanto gli asciugatori elettrici o la carta mono uso.
  23. I genitori dei bambini della scuola dell’infanzia non possono accedere all’interno delle sezioni. I bambini saranno presi in consegna dai collaboratori scolastici o dai  docenti, nell’atrio della scuola. La stessa cosa avverrà all’uscita. Per evitare assembramenti all’esterno, è opportuno che si rechi a scuola un solo accompagnatore.
  24. L’inserimento dei bambini esordienti nella scuola dell’infanzia è effettuato, con modalità che saranno comunicate dalle insegnanti.
  25. Per le lezioni di educazione fisica alla scuola primaria e secondaria, gli alunni si presenteranno a scuola già in tuta in modo da evitare l’utilizzo degli spogliatoi. Sanificheranno le scarpe sull’apposito tappetino posto all’ingresso delle palestre.
  26. Si può portare da casa esclusivamente la merenda. Non sono consentiti altri cibi come caramelle, patatine, confetti ecc. e non è possibile festeggiare compleanni o altre ricorrenze.

 

Si riporta di seguito una check-list che sintetizza una serie di azioni concrete di collaborazione scuola-famiglia, volte a promuovere il rientro a scuola in sicurezza

 

 

INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE FAMIGLIE

Controllare il proprio figlio ogni mattina per evidenziare segni di malessere. Se ha una temperatura superiore a 37,5° non può andare a scuola.

Assicurarsi che non abbia mal di gola o altri segni di malattia, come tosse, diarrea, mal di testa, vomito o dolori muscolari, oppure che negli ultimi 14 giorni non sia entrato in contatto con malati di COVID o con persone in isolamento precauzionale. In tale circostanza non può uscire di casa, va informato il Medico di Medicina Generale (MMG) o il pediatra e ne va data comunicazione alla scuola.

Se ha avuto contatto con un caso COVID−19, non può andare a scuola. Seguire con scrupolo le indicazioni della Sanità sulla quarantena.

Informare la scuola su quali persone contattare in caso non si senta bene a scuola: nomi, cognomi, telefoni fissi o cellulari, luoghi di lavoro, ogni ulteriore informazione utile a rendere celere il contatto.

A casa, praticare e fare praticare le corrette tecniche di lavaggio delle mani, soprattutto prima e dopo aver mangiato, starnutito, tossito e prima di indossare la mascherina.

Procurargli una borraccia/bottiglietta  di acqua identificabile.

Sviluppare la routine quotidiana prima e dopo la scuola, ad esempio stabilendo con esattezza le cose da mettere nello zaino per la scuola al mattino (come disinfettante personale per le mani e una mascherina in più) e le cose da fare quando si torna a casa (lavarsi le mani immediatamente e dove riporre la mascherina).

Ricordargli le precauzioni da prendere a scuola: o Lavare e disinfettare le mani più spesso. o Mantenere la distanza fisica dagli altri studenti. o Indossare la mascherina. o Evitare di condividere oggetti con altri studenti, tra cui bottiglie d'acqua, dispositivi, materiale  di cancelleria, libri...

Informarsi su come la scuola comunicherà alle famiglie un eventuale caso di contagio da COVID−19 e sulle regole che in questi casi verranno seguite.

Pianificare e organizzare il trasporto per e dalla scuola:

Se utilizza un mezzo pubblico preparalo ad indossare sempre la mascherina e a non toccarsi il viso con le mani senza averle prima disinfettate. Accertarsi che abbia compreso l’importanza di rispettare le regole da seguire a bordo (posti a sedere, posti in piedi, distanziamenti).

Se va in auto con altri compagni, accompagnato dai genitori di uno di questi, spiegargli che deve sempre seguire le regole: mascherina, distanziamento, pulizia delle mani.

Rafforzare il concetto di distanziamento fisico, di pulizia e di uso della mascherina, dando sempre il buon esempio.

Informarsi sulle regole adottate dalla scuola per le entrate/uscite, l'educazione fisica, l'uso dei servizi igienici chiedendogli di rispettarle con scrupolo.

Prendere in considerazione l'idea di fornirgli un contenitore (ad es. un sacchetto richiudibile possibilmente etichettato) da portare a scuola per riporre la mascherina; assicurarsi che sappia che non deve appoggiare la mascherina su qualsiasi superficie, né sporcarla.

Aiutarlo ad elaborare eventuali disagi; se segnala comportamenti non adeguati da parte di altri studenti, invitarlo a parlarne subito con il Coordinatore di classe o con il Dirigente Scolastico.

 

 

 

 

SUGGERIMENTI AGGIUNTIVI PER LE FAMIGLIE DI STUDENTI CON DISABILITÀ O IN

CONDIZIONI DI FRAGILITÀ

PROBLEMI DI SALUTE IN RELAZIONE AL CONTAGIO

Accertarsi con i medici curanti se le condizioni di salute (ad esempio per facilità al contagio, per problemi con gli eventuali farmaci, per problemi comportamentali, ...) presentano particolari complessità rispetto al rischio da COVID−19, tali da rendere necessarie soluzioni specifiche in relazione ai DPI.

Se presenta particolari complessità in caso dovesse essere soccorso a scuola, fare predisporre dal medico curante delle indicazioni che dovranno essere comunicate sia alla scuola sia al 112, in modo che ciascuno sappia come deve intervenire, evitando conseguenze ancora più gravi.

Se ha problemi di abbassamento delle difese immunitarie o di salute tali che non gli consentono di stare a scuola, farsi rilasciare dal medico curante apposita certificazione da presentare a scuola chiedendo che si predispongano specifici percorsi di Didattica Digitale Integrata.

COMPORTAMENTI IGIENICI (IMPEGNARSI A INSEGNARLI ANCHE SE È DIFFICILE)

Fornire sempre nello zaino scorte di fazzoletti di carta con indicazioni per buttarli dopo ogni uso.

Insegnare a non bere mai dai rubinetti, fornendo bottigliette d’acqua personalizzate in modo che possa essere sicuro di riconoscerle sempre.

Insegnare a non toccarsi il viso con le mani senza essersele prima disinfettate, quando è in luogo pubblico.

USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI

Gli alunni certificati ai sensi della Legge 104 in situazione di gravità sono esentati dall’uso delle mascherine. Questo è un criterio generale che le famiglie dovranno valutare con attenzione prima di  avvalersene. Infatti, se è possibile insegnare al proprio figlio l’uso della mascherina, anche con l’aiuto dei docenti, è bene che ciò avvenga, in primo luogo per la sua sicurezza.

Se non può utilizzare né mascherine né visiera trasparente, prepararlo al fatto che le useranno le persone intorno a lui: docenti ed educatori. Il personale della scuola deve essere protetto dal contagio come ogni lavoratore.

TRASPORTI SCOLASTICI 

Se il medico curante rilevasse difficoltà particolari rispetto al rischio di contagio durante il trasporto scolastico effettuato dagli scuolabus, i genitori dovranno rappresentare tali circostanze al Comune.